Tagliolini al tartufo bianco

Tagliolini al tartufo bianco

carrè di agnello

Un piatto semplice e gustosissimo per gustare al meglio tutto il buono del tartufo fresco: il tagliolino al tartufo bianco. Tagliolino al tartufo, burro al tartufo bianco e tartufo bianco di San Miniato per gustare il piatto invernale più atteso dagli amanti del tartufo. Lessate la pasta e scolandola al dente e saltatela nel burro al tartufo fuso e affettate il tartufo bianco…et voilà! In pochi passaggi il tagliolino al tartufo bianco è servito!

Difficoltà

FACILE

Tempo

5 min

Persone

Difficoltà

FACILE

Tempo

5 min

Persone

4

Ingredienti

• 250 g  di tagliolini all’uovo al tartufo

• 30 g di burro al tartufo bianco

•  sale Q.B.

• 50g tartufo fresco

PREPARAZIONE

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

1. Per iniziare mettete una pentola di acqua al fuoco  e  una padella antiaderente in cui far fondere il burro al tartufo bianco Savitar (1). Il burro Savitar è un concentrato di fragranza. Aggiungetelo con il burro fresco e otterrete fino al triplo del quantitativo (2). Appena l’acqua arriva all’ebollizione preparatevi per buttare i tagliolini all’uovo con tartufo (3)

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

2. Salata l’acqua, immergete i tagliolini all’uovo con tartufo per 2 minuti (1). Aggiungete un mestolo di acqua di cottura nel burro fuso (2) e scolate i tagliolini ancora al dente e versateli nella padella con il burro e fateli saltare bene (N.B. Se la pasta risulta asciutta aggiungete un ulteriore mestolo di acqua di cottura mescolando bene (3).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

3. La pulizia del tartufo va effettuata solo pochi minuti prima dell’uso e deve avvenire con acqua fredda, utilizzando uno spazzolino per una pulizia più approfondita. Non ha bisogno di essere pelato, la buccia è parte integrante del tartufo. Impiattate i tagliolini (7) e affettate con l’aiuto di un affetta tartufo professionale il tartufo fresco (8). Il tagliolino al tartufo è pronto per essere servito!

Mauro Urso

Mauro Urso

Chef

Classe ‘88, chef toscano. Ha lavorato nei più noti ristoranti stellati toscani , tra cui l’“Ora d’aria” a Firenze e l’“Osteria del vicario” a Certaldo e l’“Io osteria personale”; la sua curiosità lo spinge a viaggiare e lavorare in varie cucine della Svizzera, dell’Australia e dell’Inghilterra. Il suo spirito curioso ed innovativo porta in cucina piatti ricercati e creativi, un viaggio alla scoperta dei sapori genuini e fantasiosi.

Lasagnetta al tartufo con radicchio e pancetta

Lasagnetta al tartufo con radicchio e pancetta

carrè di agnello

Le lasagne sono un primo piatto classico della cucina italiana. Oggi vi proponiamo una versione gourmet: le lasagnette al tartufo con pancetta e radicchio. L’ingrediente fondamentale di queste lasagne è proprio la nostra gustosa crema di pecorino al tartufo bianco Savitar. Il suo gusto delicato sostituisce la besciamella mentre il radicchio e la pancetta donano al piatto la croccantezza ed un sapore irresistibile…strato dopo strato, in una prelibata alternanza di sfoglie di pasta fresca al gusto di tartufo bianco! Perfetta da abbinare con il tartufo bianchetto. Servitele per un ricco pranzo domenicale!

Difficoltà

FACILE

Tempo

30 min

Persone

Difficoltà

MEDIA

Tempo

50 min

Persone

4

Ingredienti

• 300g Pancetta affumicata
• 2 pz Radicchio trevigiano
• 600g Pasta fresca (già tirata)
• 1/2 Bicchiere di vino rosso
• 1 Vasetto da 180g di Crema di Pecorino e Tartufo Bianco
• Sale e pepe q.b.
• 1 Cucchiaio d’olio
50g Tartufo bianchetto

PREPARAZIONE

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

1. Per preparare le lasagnette iniziate dalla preparazione del radicchio e della pancetta. Tagliate in piccole strisce la pancetta affumicata (1) e lavate e pulite il radicchio.  Versate la pancetta in una padella antiaderente con un filo d’olio e fatela rosolare per qualche minuto (2). Nel mentre tagliate in piccoli pezzi il radicchio (3).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

2. Versate il radicchio in padella insieme alla pancetta (4) e salate il tutto (5). Sfumate con mezzo biacchiere di vino rosso (6).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

3. Continuate a cuocere il tutto per 3 minuti (7). Portate a bollore l’acqua in una pentola e immergetevi le sfoglie di pasta fresca (8) e fatela cuocere per 2 minuti (9).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

4. Scolate la pasta e trasferitela in una bacinella di acqua con ghiaccio per farle raffreddare (10). Successivamente stendete la pasta in un tagliare (11) e ritagliate, con l’aiuto di un coppapasta, dei cerchi che daranno un forma circolare alla nostra lasagnetta (12).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

5. Una volta ritagliata la pasta, stendete un foglio di carta da forno e posizionatevi il coppapasta per iniziare a comporre la lasagnetta. Versate un cucchiaino d’olio (13) e posizionate la prima sfoglia di pasta (14). Aprite, quindi, la Crema di pecorino e tartufo bianco (15).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

6. Spalmate un cucchiaio di crema di pecorino e tartufo bianco sulla pasta (16) e un cucchiaio di radicchio e pancetta (17) e proseguite con un altro strato di  sfoglia (18).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

7. Continuate fino a raggiungere l’altezza del coppapasta (19) e terminate con la crema di pecorino e tartufo bianco (20). Quindi infornate a 180°C per 20 minuti. Dopodichè impiattate sfilando il coppapasta (21).

carrè di agnello
carrè di agnello
carrè di agnello

8. Per decorare aggiungete qualche scaglia di pecorino (22) e affettate il tartufo bianchetto (circa 7 g per ogni piatto) (23)  e le vostre lasagne saranno pronte per essere servite! (24).

Mauro Urso

Mauro Urso

Chef

Classe ‘88, chef toscano. Ha lavorato nei più noti ristoranti stellati toscani , tra cui l’“Ora d’aria” a Firenze e l’“Osteria del vicario” a Certaldo e l’“Io osteria personale”; la sua curiosità lo spinge a viaggiare e lavorare in varie cucine della Svizzera, dell’Australia e dell’Inghilterra. Il suo spirito curioso ed innovativo porta in cucina piatti ricercati e creativi, un viaggio alla scoperta dei sapori genuini e fantasiosi.

Riso al tartufo estivo agli asparagi

Riso al tartufo estivo agli asparagi

Il Riso Carnaroli al Tartufo Estivo agli asparagi è un primo piatto semplice e sfizioso per assaporare tutto il gusto del tartufo  nero estivo. Un piatto che soddisfa il palato di grandi e piccoli e che si presta per svariate occasioni, dalle più informali alle più ricercate.

 

Difficoltà

MEDIA

Tempo

30 min.

Persone

Difficoltà

MEDIA

Tempo

30 min.

Persone

4

Ingredienti

• 1 vaso di 200g di Riso Carnaroli al tartufo estivo

•  400g asparagi freschi

• 1 Scalogno

• 200 ml Vino bianco

• Sale q.b.

•Pepe q.b.

• 70g Burro

• 65g Parmigiano q.b.

• 1,5 L Brodo Vegetale

• 40g di Tartufi Nero estivo

PREPARAZIONE

1. Aprite il Riso Carnaroli al Tartufo Estivo da 200g (1), versatelo in una casseruola (2) e fatelo tostare per 1 minuto (3).

2.Quando il riso sarà ben tostato, iniziate a bagnarlo con il vino bianco (4) fate assorbire il vino per qualche minuto dopodichè aggiungete del brodo vegetale bollente (6).

3. Condite il tutto con del sale (7), lasciate cuocere il riso fino a portarlo a cottura. (8). Nel frattempo tagliate finemente lo scalogno (9).

4. Prendete gli asparagi, lavateli e rimuovete la parte di gambo che risulta più resistente e tagliateli a rondelle (10); in una padella scaldate con un filo d’olio di oliva (11) e aggiungete lo scalogno tritato e fatelo soffriggere per qualche minuto (12).

5. Versate gli asparagi tagliati a rondelle in padella (13), conditeli con il sale e pepe e fateli scottare a fiamma vivace pochi minuti in modo che si insaporiscano bene. Aggiungete del brodo vegetale per ammorbidire gli asparagi per 10 minuti.

 

6. Una volta evaporato il brodo, trasferite gli asparagi in un contenitore (16) e tritateli con un mixer ad immersione (17) fino a raggiungere un crema morbida ed omogenea.  Versate poi il contenuto direttamente nel riso al tartufo cotto (18) .

 

6.Il risotto è pronto, è il momento di mantecarlo: spegnete il fuoco e mescolate per amalgamare la crema al risotto (19),  grattugiate il formaggio (20) e aggiungete il burro (21). 

 

8. Regolate di sale e pepe (22) e impiattate (23). Affettate del tartufo nero estivo (10 grammi circa sul piatto) (24). 

 

9. Per decorare il piatto affettate degli asparagi e decorate!

Un semplice piatto per assaporare tutto il buono del tartufo nero estivo Savitar! Condividete la vostra ricetta sui social network con l’hastag #savitaricette e condividetela sui vostri social!

 

 

Mauro Urso

Mauro Urso

Chef

Classe ‘88, chef toscano. Ha lavorato nei più noti ristoranti stellati toscani , tra cui l’“Ora d’aria” a Firenze e l’“Osteria del vicario” a Certaldo e l’“Io osteria personale”; la sua curiosità lo spinge a viaggiare e lavorare in varie cucine della Svizzera, dell’Australia e dell’Inghilterra. Il suo spirito curioso ed innovativo porta in cucina piatti ricercati e creativi, un viaggio alla scoperta dei sapori genuini e fantasiosi.

Vellutata con salsa bianca al tartufo bianco

Vellutata con salsa bianca al tartufo bianco

Un delizioso ed elegante antipasto con la delicatissima crema di porcini e tartufo

Difficoltà

FACILE

Tempo

20 min.

Persone

4 – 6

Difficoltà

FACILE

Tempo

20 min.

Persone

4-6

Ingredienti

• 3 porri

• 4 patate

• 1 l d’acqua

• 80 g di salsa bianca al tartufo bianco

• 1 tuorlo d’uovo

 

PREPARAZIONE

1. Sbucciate le patate, tagliatele finemente e sbollentatele per qualche minuto. Pulite i porri dalle estremità, lavateli e tagliateli a rondelle.

2. Aggiungete in una pentola un filo di olio di oliva, i porri e le patate. Soffriggete il tutto per qualche minuto, dopodichè aggiungete un litro di acqua salata. Fate cuocere a fuoco medio per circa 10\15 minuti.

3. Frullate   il composto con un mixer a immersione.

4. Se la vellutata risulta troppo liquida, fatela ritirare per qualche minuto a fuoco lento.

5. Impiattate la vellutata con due cucchiai di SALSA BIANCA AL TARTUFO BIANCO ed un tuorlo d’uovo crudo.

 

Tagliolini all’uovo con tartufo

Tagliolini all’uovo con tartufo

Un primo piatto semplice da preparare ma buonissimo da gustare in compagnia!

Difficoltà

FACILE

Tempo

5 min.

Persone

4

Difficoltà

FACILE

Tempo

5 min.

Persone

4

Ingredienti

• 250 g  di tagliolini all’uovo al tartufo

• 30 g di burro al tartufo bianco

• q.b. sale

 

PREPARAZIONE

1. Immergete i TAGLIOLINI ALL’UOVO AL TARTUFO  in una pentola con abbondante acqua salata in ebollizione.

2. Nel mentre fate fondere il BURRO CON TARTUFO BIANCO  con un po’ di acqua di cottura in una padella grande.

3. Dopo 3 minuti scolate i tagliolini ancora al dente e versateli nella padella con il burro.

4. Lasciate insaporire i tagliolini per qualche minuto mescolandoli continuamente con un mestolo. Quando i tagliolini al tartufo si saranno amalgamati con il condimento, trasferiteli in un piatto da portata e serviteli caldi.

 

Paccheri ripieni di ricotta ed erbette con Ragù di Chianina Savitar

Paccheri ripieni di ricotta ed erbette con Ragù di Chianina Savitar

Un primo piatto in grado di stupire anche i palati più scettici!

Difficoltà

FACILE

Tempo

15 min.

Persone

4

Difficoltà

FACILE

Tempo

15 min.

Persone

4

Ingredienti

• 28 paccheri

• 500 g di ricotta di pecora

• 180 g di Ragù di chianina

• Erbette aromatiche q.b.

 

PREPARAZIONE

1. Cuocete i paccheri in acqua bollente salata per 10 minuti circa, scolateli e lasciateli raffreddare.

2. In un recipiente, mescolate la ricotta con le erbette aromatiche. Trasferite il composto in una sac à poche e riempite i paccheri. Una volta riempiti, disponeteli nel piatto.

3. Scaldate il Ragù di chianina e mettetelo sopra ai paccheri. Decorate il piatto con qualche foglia di erbette aromatiche.